22 dicembre 2009

segui-la-musica.jpg 

[kml_flashembed movie="http://www.youtube.com/v/RTxYep9qgKE" width="250" height="150" wmode="transparent" /]

LOVE RESCUE ME

Love rescue me
Come forth and speak to me
Raise me up and don't let me fall
No man is my enemy
My own hands imprison me
Love rescue me


Many strangers have I met
On the road to my regret
Many lost who seek to find themselves in me
They ask me to reveal
The very thoughts they would conceal
Love rescue me


And the sun in the sky
Makes a shadow of you and I
Stretching out as the sun sinks in the sea
I'm here without a name
In the palace of my shame
Said, love rescue me


In the cold mirror of a glass
I see my reflection pass
See the dark shades of what I used to be
See the purple of her eyes
The scarlet of my lies
Love rescue me


Yea, though I walk
In the valley of shadow
Yea, I will fear no evil
I have cursed thy rod and staff
They no longer comfort me
Love rescue me


Sha la la, Sha la la

I said love, love rescue me

10 dicembre 2009

si fa sera

4166983014_36bb613389.jpg
aspetto un volto con un bel sorriso. Una carezza. un abbraccio. Qualcuno con cui condividere una grigliata di pesce (that's amore) con cruditè di carote alla julienne condite con olio e limone...
Qualcuno che mi allieti regalandomi un sorriso.
aspetto...
aspetto...


no, jerry scotti no!

aspetto...

29 ottobre 2009

ogn tanto ritorna

3987135827_7a4174e96c.jpg 

La mia casa profuma di me... l'ho percepito un istante, solo un istante. Il mio odore. Mi mancherà.

Mi mancherà la mia solitudine? i miei pasti frugali, fatti di pasticci, o dolci deliziosi, consumati sul divano, a tavola o davanti al PC?ma spesso sola.

Mi mancherà il silenzio di Laveno alle sette di sera, quando tutti cucinano o cenano già e io vago solitaria per le stradine del centro.

Mi mancherà il slenzio della notte e le estati di cicale alla finestra.

Mi mancherà l'odore di fogna che risale ogni tanto dalla tazza del cesso?

Presto lo scoprirò.

Intanto mi faccio 2 uova al tegamino e mando via l'odore di me...

8 ottobre 2009

Non E’ Nel Cuore - E. Finardi

[...]
E dopo un po' mi sono rilassato
e con l'andar del tempo
ho anche imparato
che non serve esser sempre perfetti
che di te amo anche i difetti
che mi piace svegliarmi
la mattina al tuo fianco
che di fare l'amore con te
non mi stanco
che ci vuole anche del tempo
ma lo scopo e' conoscersi dentro.

E l'amore
non e' nel cuore
ma e' riconoscersi dall'odore.
E non puo' esistere l'affetto
senza un minimo di rispetto
e siccome non si puo' farne senza
devi avere un po' di pazienza
perche' l'amore e' vivere insieme
l'amore e' si volersi bene
ma l'amore e' fatto di gioia
ma anche di noia.

30 settembre 2009

brevi riflessioni incostanti

il tempo scorre... che banalità, chi non lo sa.

Lo scorrere del tempo, gli eventi, mi avvicina ad una meta insperata. Ma forse, forse, ci siamo quasi. E l'arrivo dell'inverno non mi spavanta più così tanto... ho tante cose a cui pensare, organizzare.

Intanto, me la godo a casa, piccola influenza che mi permette di realizzare, riposare, pensare, sorridere, creare... lo spirito creativo è stimolatissimo.

leggo: Non sopporto il pensiero che la mia vita stia scorrendo via così in fretta e che io in realtà non la viva.
Fiesta - Ernest Hemingway


E sai che dico oggi, Ernest.... chissenefrega!

13 settembre 2009

I’m back!

img_2135cr2.jpg
 (foto scattata da me)

Rientrata dalle vacanze.rigenerata. rilassanta.

Ricorderò bene la pesca turismo, una giornata su un peschereccio, il pescato cotto alla griglia, la murena, il bagno in quella caletta senza spiaggia. Le onde altissime che mi hanno lasciato quasi nuda. Le risate per i vicini di casa un pò bizzarri. La giornata alla maddalena, girando in 4 su 2 scouter, sulla strada panoramica, il vento nei capelli e il mare che riempie gli occhi. La cena dall'Artista a San Teodoro, il vino bianco delizioso, (15vol), l'ebrezza e il super piatto di trenette al granchio, e tutti i crostacei alla griglia. I vecchini di Orgosolo, le donnine di Irgoli, vestite e velate di nero. Il delfino, gli asinelli, le pecore, i gatti e tutte le bestiole che ci hanno circondato...

31 agosto 2009

Finalmente…

chiuso-per-ferie.jpg
baci baci a tutti!

26 agosto 2009

si…mh, si…

Fine del periodo di smarrimento... non che abbia fatto perfettamente luce, ma si tenta una strada e si vede come va. E sempre così, si procede a tentoni e poi... Suerte!

E' da un pò che sto meglio, ma sto dedicanto lo spirito creativo all'arte fotografica. Come dice qualcuno: vado a "fittonate". Il periodo contadina di farm ville, il periodo di scrittrice di corti letterari, il periodo di sportiva... no quello mai, il periodo fotografa. Imparo, mi confronto, per ora è così.

Esaurita in tutti i sensi, riesco a incanalare l'energia solo in una cosa per volta. Settimana prossima finamente le MIE tante ambite vacanze... uno stop al lavoro, alla casa, alla famiglia; è già un bel peso in meno, dritta verso il mare della Sardegna, sole pizza e ammore e tuppete!

E poi, basta, sono staca, ma vi penso tutti amici bloggers. Brutti bastardi che continuate a pubblicare foto vacanziere su Faccia di libro. Vi voglio bene assai! e quando voi sarete tutti in crisi d'astinenza per la vacanza conclusa, io posterò le mie foto.

Torno a fissare apatica il monitor per altri 3 quarti d'ora e poi vado a casa ancora 12 ore e 3/4...POI LA LIBERTA'!

5 agosto 2009

mi sono persa

stop.jpg

Ho bisogno di uno time out, un attimo di sospensione di tutto. Ogni frase, situazione, colore, reazione, tono, forma, si fa sempre più pesante. Mi vorrei rifugiare in qualcosa di più leggero, su una nuvola con vista mare, sola, rilassata, quando ho voglia mi calo a fare un tuffo, senza conoscere nessuno, senza pensare a niente e a nessuno, neppure a me.

Staccare dalla routine, dalle facce arrabbiate che condividono con me otto ore della giornata, staccare dagli obblighi di chiamare, gestire, pesare e misurare, staccare da mamma e papà che invecchiano e delle volte non sanno quello che dicono, staccare dalle riflessioni continue, staccare anche dalle poche stupidaggini che faccio senza riflettere e sulle quali non mi voglio soffermare, non voglio!

Ho paura delle scelte future, ho sempre detto che non sono così forte come sembro e ho sempre cercato di non deludere le aspettative altrui. Ma perchè poi? non mi sarà concesso di deludere!?

Ho bisogno di soffermarmi a non pensare. Un sospensione del tempo. Voglio perdere il tempo e ritrovare un pò di me.

27 luglio 2009

Quando la vita si fa dura sai che si fa? nuota nuota, zitto e nuota

dory.JPGFine settimana di relax, mi serviva proprio, riposo assoluto.Sabato a ripulire casa, odore di talco ovunque grazie al nuovo detersivo per pavimenti. Trascorrere la domenica tra il divano il letto e la scrivania, tutto il giorno in camicina da notte, ascellina fetida (poi mi sono lavata), capelli tirati su, ventilatore e passatempi inulili quali: internet, mondiali di nuoto in TV, un libro, smangiucchiare cose senza senso... Io e io, io e io! Che barba che noia, che noia che barba!Nota dolente e che la domenica pomeriggio sarebbe dovuta trascorrere al lago a prendere un pò di sole, Un pomeriggio concordato da ben 2 settimane, dove mi si chiede anche opinione su quale spiaggia sarebbe migliore, perchè io "ci devo essere, senza storie!" - ha detto. Invece poi, si è dimenticato di me, ho ringraziato e la risposta è stata "Figurati!se si organizza domenica prossima ti avviso". E certo, tanto per ribidonarmi! Tutto normale vero?

No, perchè io ho bisogno di conferme in questo senso, comincio a pensare che certi atteggiamenti siano normali e che io sia la fuori di testa.

Ritornando al mio godere delle cose belle della vita, per questo fine settimana vince il premio "Apprezzamento Pomodora"( che vale poco meno di un mongolino d'oro) il pescivendolo del supermercato sotto casa mia. Avrà più o meno la mia età, e a differenza di tutti i ragazzi ai quali capita la sventura di lavorare per l'estate al banco pescheria, lui aveva l'aria serena, dava consigli su come sciaquare il tonno, acqua e sale, se no perde il sapore! Io volevo dei gamberetti per fare la pasta "alla Karakora", zucchine pomodorini e belpaese , mi consiglia:"ci sono questi che vanno sgusciati, in calabria questi noi li mangiamo con tutto il guscio e succhiamo le teste"... Si, Buoniii! ma io non li volevo sgusciare, allora mi dà quelli in salamoia, ma mi da un consiglio pure lì: sciarquali con l'acqua dolce questa volta, se no sono salati.

20 luglio 2009

Un pò stupita

Scrivo qui una risposta all'unica persona che si è soffermata a commentare il mio post precedente, ho pensato che fosse più opportuno rispondere a questa persona, blogger, in maniera più aperta, perchè il pensiero che voglio esprimere sia condiviso. Ci tengo a precisare, che non sono arrabbiata per quello che  ho letto, mi hai solo dato uno spunto per chiarire un mio messaggio.

 L'articolo pubblicato e linkato parla di una protesta contro un decreto sulle intercettazioni, parla dell' "obbligo di rettifica, pensato sessant'anni fa per la stampa, e che se imposto a tutti i blog (anche amatoriali) e con le pesanti sanzioni pecuniarie previste, metterebbe di fatto un silenziatore alle conversazioni on line e alla libera espressione in Internet"..."Se il blogger non ottempera all'obbligo, ci sono sanzioni tali (oltre i diecimila euro) da scoraggiare qualsiasi espressione libera da parte di privati che non dispongono né dei soldi né degli avvocati né della voglia di mettersi nei guai. Ed è questo il punto, non il rifiuto di ripristinare la verità rispetto ad affermazioni false, ma la natura intimidatoria e dissuasiva della misura che è oggetto della protesta."

il mio PENSIERO:

non è una questione politica, è una questione di diritti civili, hai letto l'articolo. Parlano di sanzioni! io non so se esprimerò mai un parere su una legge, o se ho intenzione di parlare di politica, ma dovrò stare bene attenta a non esprimere "inesattezze", sarò costretta a RETTIFICARE, altrimente rischio di incorrere in sanzioni.
Che cosa vi ricorda???


Nulla, la dittatura noi non l'abbiamo vissuta, ma l'abbiamo studiata e nessuno (o quasi) la rivorrebbe credo. NON è politica, destra o sinistra, si può fingere che non ci interessino le beghe poilitiche, tapparsi occhi e orecchie per non vedere, e non sentire, tutto procede in questa direzione. Se tu non ti interessi di politica però, non vuol dire che le decisioni politiche non interessino anche te! Ci pensi mai a domani!?!
Il blog rappresenta un mio pensiero, è solo un mucchio di cazzate forse, VORREI il diritto di scriverle LIBERAMENTE, non voglio sia sottoposto a filtri, poichè non è mia intenzione ledere nessuno, semplicemente voglio la possibilità di pensare ciò che mi pare e di poterlo esprimere liberamente.

9 luglio 2009

U2 - 360° tour 07/07/09

6091_1162278626948_1527311771_417235_6274139_n.jpg 

Musica musica musica musica... 

[kml_flashembed movie="http://www.youtube.com/v/tKeYOzIakJ4" width="425" height="350" wmode="transparent" /]

Io ero lì, allo stadio di S.Siro con altre 60.000 mila persone, voci che cantano, emozioni che si mescolano, energia allo stato puro con la quale si sarebbe potuta illuminare mezza Milano. Essere lì è cantare insieme a Bono Vox... non ha prezzo. Potere della musica, lo stesso potere che permetteva ieri sera ad un giovane e bravissimo cantante locale e un chitarrista con una chitarra acustica, situazione molto più intima, di scatenare in "Fear of the Dark" o "Smoke on the water" (rock metallaro), unplugged, le 50, 60 persone presenti a chioschetto su una spiaggia del lago Maggiore. , ma la musica può fare...è una magia! La magia di creare un feeling tra 4 grandiosi musicisti è un'intero stadio. Quello scambio reciproco di dare e ricevere nient'altro che emozioni. 

La mia macchina fotografica non mi ha tradita, mi restano gli scatti, il ricordo di quelle emozioni, e qualcosa di più che non so spiegare...Come diceva Frank Zappa:"Parlare di musica è come ballare di architettura".6091_1162278186937_1527311771_417225_6332878_n.jpg





foto mie

30 giugno 2009

rotation

pirouette.jpgRiprendo equilibrio, ancora un pò nervosetta sulla corda, barcollo ma non mollo! Piano piano, dopo avergli martoriato le palle per mesi, inizio a capire che ho meno necessità del moroso-sostegno perenne. Non perchè sia meno importate, ma ho avuto modo di capire che non mi sono persa del tutto, che non sono in orbita attorno ad un sole, riprendo il mio "moto di rotazione" che credevo di aver perso, se voglio, non so ancora dove, posso. Se mi chiedessero come sto, in fondo mi rendo conto che non avrei nulla di cui lamentarmi, potrebbe andare meglio, ma di sicuro anche molto peggio. Se accadrà spero di non dover fare tutto da sola.

Il mio Orsacchio parte per gli Usa giovedì, un altro amico che va lontano, ancora più lontano. Un altro amico che sento vicino, sempre più vicino, fra 2 anni, fra 5 anni quando tornerà in Italia, per poi ripartire chissà dove, spero di poter avere sempre la stessa percezione. Vicino.

Ho pochi amici (ma posso dire di averne e non è poco), col mio carattere bizzoso: allegra, seria, scema, matura, rompiballe, come uno schiaffo in pieno viso, senza peli sulla lingua (con loro so che posso), affettuosa a modo mio, mi apprezzano per quello che sono, mi conoscono e non mi cuciono addosso idee di me.

Ari è Ari, nessuna etichetta: NC, non classificabile, quella che mi si addice, oppure tutte, ma tutte insieme. Forse mantengo ancora qualche amicizia, non per merito, ma perchè i miei amici non necessitano di meriti, e io li accontento!

Guai a chi li tocca! Per me questo è un credo. sempre.

26 giugno 2009

who’s bad

"Well, they say the sky’s the limit
And to me that’s really true"


1076183183_hcriminal2.jpg

Mentre tornavo a casa da una piacevole serata sento alla radio Nicola Vitiello che commenta un'ANSA: Michael Jackson è morto, un infarto pare. Mi sembrava uno scherzo ma continuando ad ascoltare, i toni seri, qualcuno che piangeva in regia, ho realizzato. La prima cosa che ho fatto è stato richiamare il moroso, che avevo appena salutato, per informarlo (non che la cosa lo toccasse particolarmente)... mentre ne parlavo però, riaffioravano i ricordi. E' tutto il giorno che mi canticchiano in testa le sue canzoni, tutto il giorno riaffiora la mia infanzia. Mi ricordo perfettamente l'intervallo a scuola facendo a gara a chi imitava meglio il moonwolk. Il mio compagno di banco era il più bravo cavoli. 

Ricordo il dito alzato verso il cielo e una mano sul pacco, con quel movimento di bacino inconfondibile. Mi rivedo bimba, una mattina durante le vacanze estive, saltare sul lettone guardando il video di Thriller. Libera associazione: i miei ricordi d'infanzia e l'accusa di pedofilia.

Crescendo non mi sono mai appassionata a "Jacko", le canzoni passano in radio e me le ricodo tutte però, non conoscevo nulla della sua vita privata, salvo qualche fatto clamoroso, nè dei dettagli delle sue condizioni di salute, notizie apprese solo stamane attraverso un coccodrillo sul giornale, sinceramente mi interessano poco, Jackson resta un emblema del pop che segna una generazione come Elvis ha segnato gli anni '60. Mi lascia una sensazione strana, sapere che muore qualcuno che, per chissà quale processo mentale, credevo non sarebbe morto mai. I miei mi raccontano di cantanti storici che io non ho mai visto vivi e loro si, li hanno vissuti. Domani, forse, racconterò ad un bambino che balla Thriller, che io mi ricordo quel cantante lì, che era nero e poi è diventato bianco, che quando cantava urlava WUUH!

25 giugno 2009

informazione di servizio

Grazie ad alcuni smanettamenti casualmente suggeriti, il mio blog che stava un po' de qua e un po' de là, mo sta tutto de qua! ho importato anche il pezzettino da marzo 07 a marzo 08, che era pur sempre sangue, sudore e lacrime. Sono indecisa però, se sia più opportuno portare quello che c'è di qua, tutto sul mio vecchio indirizzo. Queste sono le cose serie sulle quali soffermarsi! Medito... 

PS: Stefy, per quello che vuoi far tu non ho soluzioni. Prova a mandare una mail all'assistenza Deejay, magari te lo modificano loro quello che ti serve.

21 giugno 2009

Sul lago di Como

Dietro dei nick-name, dietro le parole, i pensieri, le lacrime di pixel, le riflessioni, le proteste, la rabbia, la gioia, dietro i monitor ci sono volti veri, dei sorrisi meravigliosi, la voglia di stare insieme!

 Perchè non è vero che sono due mondi scissi, senza collegamenti. E' un peccato sprecare certe occasioni, la vita è fatta anche di queste amicizie strane, alcune dureranno a lungo spero, e magari diverranno più profonde.

E' il blog che regala. A me ha dato tanto sin dall'inizio. Anche le delusioni mi hanno portato a qualcosa di buono.

Ho avuto il piacere di vedere alcuni di questi volti! meglio di cosi, non poteva andare...

GRAZIE RAGAZZI!!!!!

18 giugno 2009

Un diavolo per un capello

diavolo-per-capello.jpgEbbene sì, ho un diavolo che mi tira un capello. Sarà lo stress, il nervosismo, la bolla che mi è venuta all'interno del labbro, i reni che non mi danno pace, il Voltaren si però, sarà il caldo, trovare il vestito per un matrimonio col mio "fisichino" da pin-un in un era da velina; insomma ho un capello che tira, tira, tira e non come la patatina amica.
Ho anche pensato potesse essere un pidocchio accanito che mi ciondola da un capello giocando a fare tarzan! prendendo i treni delle Nord e dello stato in continuazione, il rischio non è poi così lontano. Niente pidocchi per fortuna, ci mancava giusto quello. Solo fastidio, pessimismo e fastidio... e se sabato piove mi raso a zero!

16 giugno 2009

pronto pronto! di dove sei?

blog.jpg

Ogni tanto guardo sullo Shiny Stat, (il cosino che conta gli accessi), le provenienze di chi passeggia sul mio blog durante un mese, Ci sono davvero un sacco di province elencate: tante da Milano e Roma, poi Varese (che sono io da lavoro credo), e poi tante tante altre.

 Mi verrebbe la curiosità di sapere chi passa di qui per leggere, e chi semplicemente ci finisce per sbaglio o per raccattare un'immagine... Ma non si può! Tranquilli, non faccio investigazione.Non conosco la provenienza di tutti i blogger, e non mi è neppure indispensabile conoscerla, poi nel mezzo ci saranno moroso, amici e conoscenti...  Forse mi piacerebbe sapere proprio se c'è qualcuno che legge  ogni tanto e che non si è mai rivelato... una volta ricordo che c'era un ragazzo che non ha mai commentato pubblicamente, si limitava a mandarmi delle mail molto carine... poi non l'ho sentito più. chissà!

10 giugno 2009

One for me…

aria1.jpg

Passerei le ore ad ascoltare il vento tra le foglie in estate. Lo sentirei arrivare da lontano, come un'onda immesa, poi giungerebbe alle mie orecchie più forte e si dissolverebbe in un soffio sulla pelle, tra i capelli....

L'attesa del vento esaudisce l'aspettativa, la senti, la respiri. Non ho altra aspettativa che venga soddisfatta nello stesso modo. Resto in attesa di un soffio di vento che non arriva mai, di una novità che cambi il corso delle cose o che lasci un segno leggero sulla pelle. La spirale muta nella quale sono cascata, non mi fa ancora annegare e non mi fa riemergere. Non mi manca l'amore, quello no, l'affetto forte, il sentimento nobile è delicato, c'è, c'è ancora! Non ne sono mai abbastanza grata! Per essere più chiara con gli imbecilli che leggendo questo post mi manderanno SMS chiedendomi come sto per pura formalità, con la reale domanda malcelata sotto un "Vai ancora su e giù per Firenze?" In ricerca del nuovo pettegolezzo da spifferare alle amichette del CU-CU-Cuore. La risposta è: SI, sono ancora impegnata, e pensa, con lo stesso ragazzo di Firenze di un anno e otto mesi fa. Va tutto come deve andare.

Forse ho perso un pochino dell'amore per le cose che nella vita mi hanno sempre tenuta a galla, l'amore per gli amici, anche se non disdegno i pochi cari che ho,  purtroppo un pò lontani.

Ho perso un pochino dell'amore per le esperienze nuove e "sane", mi manca anche la serata con 5 tequila sale e limone, che non è detto che non sia sana. Rifarei volentieri una serata così, qualche amico, butta giù, slecca e zzzziiii..... in un crescendo di sghignazzate senza senso.

Ho bisogno di cose mie, spazi miei, gli amici miei, il tempo mio, o sole mio, o mare mio... MIO MIO MIO

8 giugno 2009

Tuuuuuuuuuuu…

Un fine settimana de mierda, detto in spagnolo sembra meno incisivo, nella realtà andrebbe scritto in stampatello, italiano, e con 2 MM iniziali.(Non ho mai detto di essere una persona elegante).

Un lunedì da esaurimento nervoso, 10 ore a lavoro con una pausa di mez'ora. Non sono in miniera, ma... O_O BBASTA! 

E poi! non riesco neppure a scrivere niente di sensato, ammesso che lo abbia mai fatto, mi correggo, non riesco più a scrivere niente di sentito. Ma qui comando io! e questa e casa mia! e non mi lascio spodestare dal giustificativo! o dall'eventualità! eccooo!

Ci sono! ci sono!

Vàvàvà! Forse forse raggiungo la meta tanto ambita: lo spegnimento mentale, cessazione del pensiero, solo quel Tuuuu che accompagnava l'interruzione delle trasmissioni televisive.

tutututututtututuutututututuuuuu.... blablablablablabla!

fine.jpg

Uh! Che carino, sembra una faccina!non l'avevo mai notato!

29 maggio 2009

Profonde riflessioni

Se potessi fare più spesso l'amore non passerei le mie serate libere davanti al PC!

caxXO!!!! Che in questo caso non si potrebbe proprio dire.

sesso1.jpg

22 maggio 2009

La pecorella smarrita

fede.jpg 

La chiacchierata di ieri sera mi ha lasciato quella sensazione piacevole di aver visto qualcosa di bello. In realtà non ho visto niente a parte un monitor pieno di parole, ma quelle parole avevano una forza speciale. La forza di una Fede che non ho. Se la Fede è un dono, io al momento non ce l'ho.
Vorrei credere, ma non riesco, la mia visione di fede resta qulcosa che non mi appartene. Ma ciò che ho visto ieri era una sensazione di pace col mondo, una sensazione di tranquillità di chi non si sente mai, davvero mai solo.


Jobber crede profondamente in Dio e ne trae quella Forza in più che lo aiuta e lo ha aiutato ad affrontare difficoltà ben più grosse di quanto potessi immaginare. Forse Dio bisogna cercarlo, forse la ricerca è il primo passo verso il cosiddetto "cammino".
Boh! il mio limite nel "non credere" mi impedisce di camminare, resto ferma qui, nell'idea che Dio c'è perchè noi uomini, granellini sperduti nell'universo, abbiamo bisogno che lui esista, ce lo siamo "inventato" per sentirci meno soli. E'anche vero che se fossimo soli nell'universo "sarebbe uno spreco di spazio".
Mi ricordo da bambina, quando andavo alla chiesa di Sant'Antonio, dietro l'altare un immenso mosaico sui toni dell'arancio, rappresentava Mosè forse: un omone con la barba e con un espressione arrabbiata, non so esattamente perchè fosse così incazzato, ma io credevo che Dio fosse proprio così. Non incazzato, ma grosso e con la barba bianca!
Invece forse Dio, il Dio in assoluto, non parlo di religioni, è proprio in quella particina di Jobber, (cito il mio amico Jobber perchè in lui l'ho vista, magari c'è anche in altri); quella sua consapevolezza che Dio c'è. Non ripete a pappagallo prediche sentite e risentite da pretucoli italiani noiosi e senza un perchè, Jobber ce l'ha dentro di se. Sta tutto lì, in quell'angolino! Il surplus di forza che Jobber dice di trarre dal Signore, è Dio. Per me è un circolo vizioso in cui si crede in qualcosa che scindiamo da noi stessi, che idealiziamo come massima perfezione dell'essere, come massima ambizione che non si può raggiungere ma si può avvicinare. Perchè Dio lo vuole. Perchè Dio vuole il bene...


E io non faccio niente per volere di un Dio che anche se conosco, non riconosco. Conduco la mia vita per l'amore che ho per me stessa, per le persone a me care.
Per ora va così. Jobber dice che io non ho fede perchè non la voglio. Può essere...


.

15 maggio 2009

Mi han detto che questa mia generazione…

412405189_e7074e75e5.jpg

Ipod acceso, auricolari nelle orecchie, buona musica, un bel libro coinvolgente tra le mani. Viaggiando su bus e treni, in coda alla posta, in sala d'attesa dal medico o mangiando qualcosa sul lungolago, un pò dove capita insomma: ecco il perfetto auto-autistico. Colui che si isola dal mondo, schiva ogni genere di situazione sociale, creando una dimensione parallela e intersecata a quella reale non necessariamente perchè non è socievole, forse solo per autodifesa.

Il perfetto auto-autistico è ad ogni angolo della strada, non ha abbigliamento particolare, non si fa notare a volte,  desidera non essere disturbato, ma sorride cordialmente a chi interrope il suo isolamento. Eccomi qui. La perfetta auto-autistica.

 Ricordo quel lontano giorno in cui la batteria dell'ipod aveva ammutinato, interrompendo il mio sottofondo musicale. Per un errore di calcolo il libro che portavo con me era stato concluso in mattinata, lasciandomi sprovvista sulla via del ritorno. Costretta a viaggiare su una corsa di bus pomeridiana, ripiena di 14/17enni pettinati, firmati, colorati e lisciati; in balia degli ormoni e della house sparata a palla dalle casse da 1000 decibel del cellulare. Quanto ho rimpianto i vecchi stereo ingombranti e difficili da portare in giro!

L'attenzione è attratta dalle ragazzine sedute davanti a me: chiacchierano del più e del meno, iniziano dal regalino per il compleanno per il fidanzatino e poi parlano di vacanze. "Io vado a Cattolica con Dario quest'estate, i miei non ci vogliono andare, sai, romopono i coglioni con questa storia della cassa integrazione, mi fanno mille menate, che palle!" L'amica asserisce e io trattengo a fatica un pippone che ricorda molto quelli di mio nonno, quelli che hanno inizio con le fatidiche parole: "Ai miei tempi...". Mi trattengo e taccio. Sarebbe umiliante per me un"Fatti i cazzi tuoi" sparato dalla giovane vacanziera in presenza di un branco di Emo. Glielo darei l'emo, l'emozione di andare a pulire i gabinetti pubblici in stazione.

L'auto-autistico resta volentireri fuori dal mondo, solo per propria scelta, seleziona accuratamente la propria compagnia, è quindi poco dotato di quel senso di tolleranza verso, ad esempio, gli adolescenti.

Scesa dal pullman vado in stazione, ancora rifletto sulla cassa integrazione, ma che sarà? avrà a che fare con qualcosa di dietetico? E intanto la mia curiosità e attirata da un capannello di ragazzine attorno a due poliziotti, spiegano di essere state importunate da dei personaggi, i tipici esemplari che popolano le stazioni e i treni come ricovero per sbronze o risse alla moviola (dovute al tasso alcolico). Le ragazze spiegano concitate che spesso vengono disturbate dal suddetto eseplare con richiami amorosi, come: "passerottino!" seguito dall'imitazione di vari sbaciucchiamenti. Una di loro, la più tosta per tipi giusti, quella un pò in carne, bionda ossigenata e col make-up degno di Platinette, appena vanno via i poliziotti parla ad alta voce, in modo che tutta la stazione possa essere illuminata: " Si ma il problema e che io non mi trattengo. Io gli rispondo male a quelli!" una signora lì accanto, con fare premuroso la mette in guardia, le dice di stare attenta, le amiche asseriscono come pulcini. Lei continua "Che mi può fare, mi violenta!? - E io lo denuncio!"

Te piacerebbe!

Avrei voluto che fosse partito un applauso per accrescere la sua compiacenza, seguito da un lancio di ortaggi e uova marce.

Mai più dimenticherò di ricaricare l'Ipod. Mai più senza! Mai più.

5 maggio 2009

voglio LOMO

Normalmente scrivo per me stessa, questa volta scrivo per tutti coloro che mi vogliono bene e desiderano tanto farmi un regalo per il mio compleanno che è passato da poco (quindi scrivo per me stesso ugualmente). Per il coloro che se ne sono dimenticati e si vogliono far perdonare, per coloro che hanno a cuore la mia crescita creativa, per coloro che non mi conoscono ma vorrebbero comunque fare qualcosa di bello per me che non sono nessuno. Per tutti coloro che non fanno niente a nessuno, ribadisco,  io non sono nessuno.

Adesso esplicito l'oggetto dei mie desideri, la LOMO. Non un OMO, non L'OMO come dicono a Roma, non un OMO come abbreviazione di omossessuale, La LOMO!!!! La mia preferita è la Fisheye,è questa piccolina qui:

lomo_fisheye_2-722931.jpg

"Farà solo toast pizzette..."- "Pizzette? come queste:"

lomo_fisheye_samples_2.jpg3272906170_2f24115623_m.jpg

e poi lo pulisco io!!!!

Il prezzo è modico me la posso comprare con 5 o 6 ore di straordinario, ma il piacere di un regalo inatteso, ha un'altro risultato!

Fine dell'annuncio che ovviamente non era rivolto alla mia dolce metà.

(Dubito avrà un riscontro positivo, ma volevo condividere il mio entusiasmo di ieri sera per questa scoperta e sparare un paio ...)

29 aprile 2009

A.R.

 "La vita è una avventura da vivere audacemente, oppure è niente."

HELEN KELLER

E' allora con audacia mi gioco una lettera raccomandata, andata e ritorno. Preparata, controllata e spedita. E' la prima mossa di una lunga partita se vinco cambia tutto, tutto tutto...
Ho preparato il terreno a lungo, prima con me stessa, con le mie incertezze, superate. Poi con chi mi ama da sempre, chi mi ha dato sempre fiducia, affinchè domani questa non venga a mancare. Poi con il resto del mondo.


Ma... non sono sola.

Attendo un esito e intanto vado avanti.

scacchi.jpg

16 aprile 2009

uno in più

senza-nome.JPG

26 Anni e un giorno, sono già nel tunnel del 27esimo...
Nel corso di quest'anno ho imparato che sono molto lenta ad imparare.


 Ho capito che ci sono cose che non posso capire ma che posso comunque rispettare. Ci sono scelte che non condivido ma che comprendo.
Ho incontrato persone nuove e reincontrato persone che pensavo di aver perso, e in ogni caso è stata una piacevole scoperta: uno stimolo ad aprire gli occhi e guardare oltre le mura del mio giardino, scavalcarle per quanto alte possano essere, con corde, scale, catapulte o semplicemente con la fantasia. Apprezzo tanto chi ha fiducia nelle mie capacità, anche quelle che non credo di avere.


 Ho capito che non importa che io sia a Varese o a Firenze, che io sia a Torino, a Taranto, a Monza, nelle Filippine o dietro l'angolo, ci sono legami che con il minimo impegno non si sciolgono mai...

Mi rendo conto che mi mancano ancora tante cose da fare, leggere, vedere, sentire e non basterà mai il tempo per arrivare a tutte, e quando ci sarà tempo forse non mi servirà più.

E poi, finalmente, alcune mie convinzioni passate stanno svanendo poco a poco, la mia personale pappa reale per l'anima sta avendo lentamente effetti positivi. L'amore chè ho sempre creduto non fosse destinato a me, c'è! Allora perchè non crederci.

Restano molti difetti, continuo a fare congetture a volte poco realistiche, continuo a essere diffidente, e continuo a prendere sempre posizioni decise, forse troppo delle volte.

Proseguo nel tunnel e giàcchè ci devo trascorrere un anno provo ad arredarlo con cose nuove.

8 aprile 2009

Pomodora Caffè

20distributore.jpg 

 Mattino - 8.10

  •  Entra il capo in saletta caffè

  • Pomo - mangia merendina

  • Collega:Buongiorno!

  • Capo: Arrivederci

  • Collega: Esce Dottore? o Entra ma vorrebbe uscire questa mattina?

  • Capo: In realtà vorrei entrare ed uscire, "entrare ed uscire", ma purtroppo di questi tempi è un pò difficile...

  • Pomo: .....

  • Balla di fieno che rotola...

  • Capo (non convinto che il doppio senso sia stato recepito): purtroppo non si può avere la minestra brodosa e con tanta pasta... si vorrebbe la minestra"brodosa" e con tanta pasta, ma non si può...

  • Pomo:.................................

  • Collega:...............................

4 aprile 2009

Istanbul

A Distanza di una settimana dal rientro, credo di aver metabolizzato le idee per raccontare un pò di questa città a metà tra Oriente e Occidente, tra antico e moderno. Riduttivo dire bella, bella Roma , bella Firenze, bella Napoli..."Quella città", Istambul non la voglio raccontare dal punto di vista monumentale, per quello ci sono le foto, posso dire che le moschee sono enormi, maestose ma accoglienti, non incutono alcun timore. Non mi sono mai sentita in "minoranza" anche se lì, il 97% della popolazione è musulmana. Lascio qualche ricordo, piccoli flash.

Il locale vicino alla Moschea Blu dove per un paio di sere siamo andati a bere thè e fumare il Narghilè, musica dal vivo, ragazzi e ragazze che cantano. Quattro strumenti a corde, bravi musicisti.

img_8180.JPG

Le Donne turche sono bellissime, alcune col velo e altre con lunghi capelli scuri, sciolti e meravigliosi. Profili mescolati nel tempo. il paese è laico, fino a qualche tempo fa il velo era addirittura vieato in alcuni luoghi.

I gatti ovunque...

collage-di-picnik.jpg

La cordialità del commerciante di maglie al Gran Bazar; ci ha offerto il thè alla mela ci ha fatto accomodare e mi ha fatto indossare una taglia superiore alla mia spacciandola per la mia... per non offendermi.

Le trattative sui prezzi...

I colori del Gran Bazar e del Bazar delle spezie....

 img_0547.JPGimg_0753.JPG

Il cibo saporitissimo è molto buono, verdure cotte in mille modi, carne arrosto, e il mitico Kebap non troppo pasticciato come spesso lo troviamo in Italia, niente salsa piccante, e niente salsa yogurt, un tipo di yogurt molto liquido te lo puoi bere per accompagnare i pasti. Oppure il succo di melograno.

La gente ovunque... non mi sono mai sentita in pericolo, mai temuto nulla, persone tendenzialmente cordiali, forse perchè molto avvezze al turista, e poi la polizia è molto presente.

I Simit, taralli di pane ricoperti di semini di sesamo... C'è un carretto ovunque e ogni volta ti viene l'acquolina a guardarli, camminare mette fame, caldi ancora meglio.

img_0792.JPG

L'atmosfera suggestiva scendendo nella cisterna.img_0362.JPG

I Dolci buonissimi, ricchi di miele e frutta secca. 

 Il Waffle di Ortaköy, una crèpe un po più alta, con crema di banana e crema di cioccolato, fragole fresche e granella di cioccolato, io l'ho voluta così, ma la scelta era imbarazzante. Una bomba calorica molto goduriosa.

img_0669.JPG

Il pomeriggio a camminare su e giù per un quartiere più povero alla ricerca di una Moschea (chiusa), e i bimbi di 3 0 4 anni che giocavano per strada.

E tante altre cose che restano a me.

22 marzo 2009

"Le incomprensioni sono così strane
sarebbe meglio evitarle sempre
per non rischiare di aver ragione
ché la ragione non sempre serve."



"Il mio pensiero vola verso te
per raggiungere le immagini
scolpite ormai nella coscienza
come indelebili emozioni
che non posso più scordare
e il pensiero andrà a cercare
tutte le volte che ti sentirò distante
tutte le volte che ti vorrei parlare
per dirti ancora
che sei solo tu la cosa
che per me è importante..."

13 marzo 2009

smania

la.jpg 

Che non è la noia, come qualcuno mi diceva.

Io sono smaniosa, di qualunque cosa in questo periodo, sarà la primavera... Smania da primavera: sole caldo, vestiti leggeri, si esce all'aperto... 

Smania da shopping: vorrei fare shopping compulsivo, ma non c'è niente che mi ispiri l'acquisto. Acquisto esiguo viste le disponibilità economiche -> Smania repressa.

Smania da cibo: mi mangerei qualunque cosa, infatti ingrasso come una anatra per il patè... che tra l'altro, secoli fa non mangiava nemmeno tanto male; Fichi!

Smania da week and: non vedo l'ora che inizi il mio fine settimana, anzi la vedo l'ora, mezzogiorno. Cena a Siena e domani in moto!

Smania da sesso: dopo 2 settimane senza o così e così (non scendo nei particolari) , anche quello manca... Smania anema e core!

Smania per il concerto degli...

U2!!!!


spero di trovare i biglietti. Questa volta non mi frega nessuno. Piuttosto vado da sola! Smania per Bono Vox, quella voce....aah!

10 marzo 2009

Scemenze:


  •  i temi del cellulare adesso li invento io! Mi fanno sentire creativa...


prrrrr!

  • stasera vado da Promod a cercare di azzeccare un paio di accostamenti perchè mi piacciono tanto quei vestiti, ma accidenti a loro! risparmiano sulle maniche!!! e come li metto i maglioni a mezza manica se non c'è una maglietta di un colore, dico uno, che ci azzecchi!

  • Sono in fibrillazione per il prossimo viaggio ... mancano 2 settimane esatte! Vado a conoscere la bastarda di Istambul al caffè Kundera.

  • Stasera mi devo ricordare di fare i biglietti per Firenze...

8 marzo 2009

medicine

Sto bene.

Prendo coscienza di quello che non c'è e che un pochino mi manca.. alcuni amici, non quelli lontani, loro non mancano mai...

Sto bene perchè smetto di cercare ciò che non va cercato. Io so di cosa parlo quando dico amicizia... I surrogati non mi interessano più. La sfuriata di venerdì pomeriggio, mi ha alleggerito di molti pesi... eccetto quello della ciccia.

Sto bene perchè ho deciso di non pormi più certe domande.

Al momento quello che ho cerco di farmelo bastare. Il finesettimana mi risana da molte ferite, le altre me le lecco da sola, dopo averci spalmato su un pochino di Nutella..

untitled.jpg

2 marzo 2009

Sorprese tra i colli

img_8724_p.jpg

Ogni tanto capitano anche quelle cose belle belle belle che non vorresti dimenticare, che non sapresti come ringraziare...
Come questo fine settimana fatto di coccole, di sole, di miele, di vino, di colli verdi e marroni,cielo azzurro e nuvole, e luci...
Il mio viaggio a tappe/sorpresa comincia da Firenze, si va verso Siena, ma non è Siena la meta, allora qual'è?


Si prende la Cassia che ci condurrà a Pienza, piccolo borgo su un colle, l'odore che viene fuori dai negozietti di Formaggi è delizioso, non è la puzza tremenda dei formaggiai che hanno tomini e taleggio, qui ci sono forme rotonde, pagnottelle di pecorino toscano di fossa, stagionato, fresco o piccante, delicato, buonissimo...accompagnato da salumi o grigliato con il rigatino (pancetta). Poi si riparte, su e giù per i colli fino a... dove???
Montalcino, Paese del MIELE. Certo! Così diceva l'indicazione di benvenuto. Famosissima per il vino Brunello, ma autodefinita paese del miele...MaH!?
Il pomeriggio è caldino, c'è il sole pomeridiano, l'arietta, si cammina e si gode del panorama... Poi si riparte e dove si andrà???
Si va a vedere l'abbazia di Monte Oliveto. Purtroppo avevano appena chiuso, ma qualcosa di strano, molto strano è accaduto sabato pomeriggio attraversando il bosco che riconduce al parcheggio oltre l'Abbazia. Delle urla agghiaccianti provenienti da una piccola casettina lì, lungo il viale, mai sentite urla simili in vita mia... è stato molto inquietante. Indagando si è scoperto che c'è un esorcista in quel paesino, ma non mi è ben chiaro se esercita nell'abbazia... indagherò.
Siamo andati via di lì, la mia giornata di sorprese non è finita qui... La sorpresa più bella è arrivata in serata, con un bel bagno alle terme di Rapolano, una cena a tema:"piccante", fatta comodamente seduti in costume e accappatoio e poi un altro bel bagno caldo sotto le stelle.

25 febbraio 2009

sCHiEF

cooking-mama-ds-video-game-still.jpg

Dopo un pollo alla birra fallimentare, di aspetto e colore delizioso, salsina invitante ma dal retrogusto amaro come il fiele, e un cheescake recuperato in extremis dopo averlo fatto bruciare sopra, destratificato e "rirosolato", ho deciso che non cucino più per me sola! i risultati sono orrendi. La mia nonna lo diceva sempre, se non cucini con amore le cose non vengono buone.
Prova del cuoco: fallita. Sob
!

20 febbraio 2009

that is the questions…

Ostinatamente continuo a chiedermi sempre il perchè. Curiosità forse, ma qualcuno mi ha detto che è la curiosità a tenerci in vita. Continuo a cercare...

"...Così ci fa vigliacchi la coscienza; così l'incarnato naturale della determinazione si scolora al cospetto del pallido pensiero. E così imprese di grande importanza e rilievo sono distratte dal loro naturale corso: e dell'azione perdono anche il nome... " (W.Shakespeare)


Al prossimo che mi chiede di essere felice, come se fosse un diritto di tutti (gli altri, non il mio), gli dò una testata in bocca.

Io SONO.

Questo fine settimana mi dedico alla lettura... dinuovo. Che felicità!

9788845912955g.jpg

18 febbraio 2009

banana cocco baobab

image22.png 

Stamattina nell'incazzatura generale mi è venuta in mente questa canzoncina che cantavo all'asilo. 

Ero stanco di essere un uomo della città,
in mezzo a gabbie di cemento a vivere: come si fa?
Molti problemi inutili, troppe preoccupazioni,
è meglio andar sugli alberi e mettersi a penzoloni e fare:


Rit.
Uh,uh, ah,ah, uh,uh, ah,ah, uh,uh, ah,ah, banana cocco baobab
banana banana banana banana banana
banana banana banana banana banana
banana cocco baobab...


Ma si può far cantare certe cose ai bimbi di 3/5 anni?!!

Ci credo che poi che vengano su come me!

15 febbraio 2009

Ma che cacchio vuoi?

img_0233.JPG

Me lo dice anche il cigno attraverso l'obbiettivo della reflex che mi nasconde. Ma cosa vuoi di più da una domenica pomeriggio!? Il sole caldo il cielo perfetto, la gente passeggia, i bimbi danno da mangiare alle papere, e tu ? tu arranchi tra la gente con la mando nella mano di chi hai ritrovato, amato, sgridato, amato, desiderato , amato, accartocciato, amato, tormentato, amato, adorato, amato, deliziato, amato, scosso, amato, ferito, amato, ritrovato...

Cigno, ti scatto una foto! ... e non sono da sola.

C'è da lavorare, lavorare tanto... e sperare almeno in un discreto risultato.

Io Amo.

12 febbraio 2009

non lo sapevo

Non è un fulmine a ciel sereno, non è un soffio di vento, è il mio respiro che si fa agitato, che controllo mentre mi distraggo e scrivo. questo volta la controllo da sola. Questa volta sono sola. Addesso, alla 1.40 di notte sono più sola che mai... e non sono neanche più le lacrime a farmi compagnia. Non piango più... e un pò che mi alleno nell'esercizio arduo del non pensare. Esistesse un bottone, ON-OFF, il mio solito bottone che adesso cerco e non c'è più. Che resta di me, se non tutto il brutto che ho sempre pensato, se non la tristezza infinita, se non i miei mille difetti, un agglomerato di difetti neanche buoni per la discarica, non si ricicla ciò che è nocivo. Mi illudevo che andasse bene, ero convinta anche che andasse meglio. L'ho anche detto, tutto bene. Stupida.

Forse aveva proprio ragione chi diceva che io non so essere felice e ovviamente  non porto felicità con me.

 Non valevo abbastanza e col tempo non ho acquisito nessun valore. Mi cuoce questa verità, mi brucia e mi marchio a fuoco quella frase nella mente. Ora più che mai capisco che forse la mia convizione del passato, quella che c'era prima di tutto l'Amore che ho avuto fino a ieri, immeritatamente direi, prima di un giò del cacchio, prima di tutti i cretini che mi sono passati sotto al naso, prima dei pochi per i quali ho versato lacrime inutili, quella convizione maledetta ritorna e resta sempre lì a farmi male.

E soltanto io so, quanto accidenti ho desiderato di avere torto. Dio mio, non volevo la ragione, non ho mai voluto avere ragione nella mia vita, mai voluto avere ragione, mai. Volevo che mi dessi torto, volevo che mi smentissi, volevo che mi dicessi tutto quello che non si può ricamare tra le labbra, tutto ciò che dovrebbe germogliare spontaneo dal cuore, tutto ciò che io non ho saputo vedere o sentire, perchè se vedevo e sentivo, preferivo comunque ascoltare, leggere a chiare lettere, cubitali. Volevo di più, volevo troppo...

Sapevo già cosa avrei scritto sul biglietto questa volta, nessuno sforzo di fantasia per non risultare banale. So anche cosa avrei fatto incidere:

You could be my unintended Choice...                                                                                                                   You could be the one I'll always love

E' il condizionale che mi ha fregata insieme a Dante e il suo "amor che a nullo amato..." Io non sono innamorata dell'amore, oggi no, avevo di meglio dell'amore.

9 febbraio 2009

The Moon

Scatto mattutino dalla finestra del mio bagno...

img_0019.JPG

30 gennaio 2009

Elementare Watson

cappello_lente_1.png

Indagando su facebook, ho ritrovato uno dei miei ex compagni delle elementari. Se avessi continuato a vivere a Taranto probabilmente li avrei rincontrato ogni tanto di sfuggita, ma essendomi trasferita al nord appena iniziata la prima media, il mio ricordo di quei bambini si è fermato lì. Mi ricordo pochi cognomi, ma comincio a indagare... su una ho toppato, non è lei,  sul mio compagno di banco no. E' stato sorprendente per entrambi. Tra l'altro è stato molto carino, perchè mi ha dato i suoi contatti per poter chiacchierare via msn, anche lui era evidentemente entusiasta, prima o poi ci sarà occasione di raccontarsi un pò.  Ci saremmo persi di vista per sempre, anche perchè lui si è trasferito a Torino. A distanza di più di 15 anni, rivedere come si cresce e si cambia si e no, un pò te lo aspetti, un pò ti sorprende, mi fa un effetto stranissimo. E sono curiosa di sapere come mi ricorda lui, come vedeva Arianna piccola. Sono 2 giorni che continuano a tornarmi in mente piccoli dettagli di quegli anni, bambini semplici, ci divertivamo con poco, scambi di figurine dei simpson o del calcio, la maestra Nella che ci ha tirati su a carezzevoli scalpellotti, le preghierine al mattino, il fiocco giallo del grembiulino, tutti in fila per 2 e tenetevi la manina, niente parolacce e mai, dico mai, le corna verso Gesù! Alto tradimento, gravissimo!

Cacca al diavolo Fiori a Gesù!

28 gennaio 2009

Mi sto perdendo qualcosa

Mi perdo la parte di un tutto che mi serve, che è necessario. Perchè ci vuole un poco di tutto, forse anche un pizzico di sale sulle ferite. Mi serve la dolcezza degli abbracci, non solo quelli amorosi, mi serve per smorzare il sapore acre delle paure, quello amaro della rabbia. Mi servono sorrisi e chiacchiere speziate e di profumi diversi. Non si vive di sola nutella insomma... Ecco, ho perso il senso, ho perso il senso di ciò che dico o che urlo, ho perso il senso dell'olfatto, mi fa difetto: sento sempre puzza di bruciato, anche se forse non ci sono fuochi, ma il fumo si! Quello che esce dalla mia testa ogni volta che mi perdo nelle mie intuizioni di cose non dette. I PERCHE' di cui ho bisogno frullano ciò che resta della mia mente che si impoverisce. Cerco rifugio in un libro, nelle foto... in quello che non c'è.

io1.jpg

23 gennaio 2009

ristretta

2635510815_0495181391.jpg

Sono a ristretto regime alimentare, niente schifezze fuori pasto, niente cioccolato, niente dolci, niente esagerazioni a pranzo; quindi se in mensa devo scegliere tra gnocchi al ragù o penne con la panna opto per un orrendo riso in bianco, magari mischiato a un pò di minestrone, o con olio, limone e grana. Niente pane, niente nutella!Non è dieta ferrea, non avendo chi mi controlla, non sono abbastanza severa con me stessa per seguirla, ma mi innervosisce. Mi illudo che sia il mio nervosismo a portarmi a certe reazioni, ma so che non è così. Me la sento addosso come una maglietta bagnata delle volte, me l'hanno istillata sin da bambina la diffidenza, eccessiva, insensata, pedante, noiosa diffidenza.

E'vero che la prudenza non è mai troppa, ma questa non è prudenza, non si può prendere misure cautelative contro ciò che non sai se accadrà mai. Contro ciò che in realtà non ti aspetti. Ma le esperienze passate ti dicono che anche ciò che meno ti aspetti, ciò che più ti disgusta, può esistere, io l'ho visto e l'ho accettato, l'ho anche giustificato delle volte.

e l'unica cosa che temo è che la mia diffidenza non sia a livello cromosomico, spero che le ferite profonde, prima o poi si dimentichino.

Ho bisogno di sorridere di più... un pochino di più.

13 gennaio 2009

attenzione ai vampiri

wall-twilight.jpg

A 25 anni si può considerare l'adolescenza superata da un pò, giusto? Io, che la mia adolescenza penso di non averla vissuta pienamente, ogni tanto mi ritrovo a colmare le lacune in ritardo. Sono entrata nel tunnel di Twilight; la "saga" di libri che spopola in questo periodo e dalla quale hanno tratto l'omonimo film, primo della serie. Siccome non riuscivo a togliermi la curiosità di vedere il film, ovviamente non al cinema, ho colto l'occasione di una lettura facile e scorrevole per il viaggio in treno Firenze-Milano: Twilight.

Ora, nel giro di una settimana sono al terzo libro della serie (400pagg ciascuno), dormo poco, mi sveglio e leggo, in treno leggo, torno a casa mi piazzo sul divano e leggo, prima di andare a dormire leggo... Non ne vado orgogliosa, a tratti è pure troppo ripetitivo e melenso. Ma mi piace.

Temo che non uscirò dal tunnel nemmeno con la conclusione del 4° e ultimo libro... Help!

12 gennaio 2009

ti aspetto!

e dopo quasi 2 anni di attesa, arriva, piano piano arriva una Canon reflex tutta mia! MIA, MIA, MIA, tutta miaaaaaaaaa! Profumosa dell'aria di NY, bella bella con tanto di teleobbiettivo stabilizzato.

ancora un paio di settimane di attesa...

589090.jpg

7 gennaio 2009

Non sono interessata

toktok.gif

Nevica. Tutto imbiancato qui intorno, disagi neanche fosse prossima la glaciazione.  Sveglia alle 6, mi informo un attimo, ma poi decido di restare a casa, nevicherà fino ad oggi pomeriggio. Per me potrebbe voler dire trascorrere la giornata in treno o peggio ancora, aspettando un pullman alla fermata.

Avviso in ufficio e poi mi riappisolo un pò... nemmeno il tempo di chiudere gli occhi che suona il citofono. Ora io mi domando: ci sono 15 cm di neve,  un tempo di merda, sono le otto e mezza, che cavolo ci fanno i testimoni di Geova in giro!????! Con tutto il rispetto, ma se dico non sono interessata mi risponde informandomi che è cristiano come me (chi gliel'ha detto?), che vuole discutere con me della Parola del Signore, cortesemente gli rispondo che sono atea per tagliare corto, ma lui dice che non sente bene e quindi mi ritrovo costretta a urlare SONO ATEAAA!!!!

 L'ho convinto a desistere? Certo che no! Mi chiede se lo sono dalla nascita o se è una scelta dovuta ai tempi che corrono, alla delusione dell'evoluzione dell'uomo... (ho smesso di ascoltare) ... sento che parla dello schiavismo (!?!), continua!forse non era una vera domanda o era una domanda super argomentata, o gli piaceva parlare con un citofono. A un certo punto, senza che io riesca mai a interromperlo, mi parla della mia casa, mi dice che non sa quando è stata costruita, ma che è una bella casa, ci sarà sicuramente stato un costruttore, un architetto quindi ci sarà un architetto divino che ha costruito ciò che ci circonda... Continua!!! ora attacco. Giuro che chiudo! Mi chiede se magari non ne possiamo parlare assieme...inizio a domandarmi se non si sia preparato una serie di risposte scritte a seconda di come l'avrei congedato. Si sarà concesso di ricevere almeno 3 rifiuti consecutivi a persona. Finalmente si interrompe e io riesco a dire educatamente - guardi non sono interessata - e lui  - scusi non sento bene! (echeccazzo, abito in un vicolo cieco, mica in tangenziale!) scandisco, Non Sono Interessata.- Scusi davvero non si capisce, cosa ha detto?- NON SONO INTERESSATA!!!! BUONA GIORNATA!!!!

3 gennaio 2009

2OO9

voodoo-doll-vod149.jpg

Non vogliamo far partire un brindisino all'anno nuovo? e facciamolo partire. Lasciamo alle spalle il 2008 con un lancio del calice nel camino. Povero anno vecchio, bistrattato e fanculato in tutti i modi. A fanculo non ce lo manderei, ha regalato momenti belli e brutti, sono serviti tutti. Spero nell'anno nuovo, Paolo Fox mi ha dato un paio di anticipazioni che se si realizzassero non mi dispiacerebbe di certo. E poi come ha detto Santi Licheri a Forum il 31 dicembre, bando alle ciance, anche "noi siamo fautori della nostra fortuna!"... Vabbè Giudice, ci sarebbe da disquisire lungamente sulla questione .

Intanto stilo un paio di liste

BUONI Propositi:

perdere 5/6 kili (ce la posso fare)

acquisire un pò più di ragionevolezza

cambiare operatore telefonico, la tim è 11 anni che mi puppa soldi, e perdippiù, con 6710 lune non mi permette neppure di scegliere il premio che volevo io.

acqustare la reflex alla quale ambisco da circa un  paio di anni, non sarò mai fotografa ma a me...me piace

imparare a fare qualcosa di nuovo, suonare la chitarra non sarebbe male

ridere di più e affliggermi meno, (mission impossible)

vedere più spesso gli amici

BOTTE DI CULO ATTESE:

trasferirmi a Firenze in qualche modo

guadagnare di più

.

.

Buon anno nuovo a Tutti!