14 febbraio 2010

“…”

Mi pentirò di tutti i momenti che non ho trattenuto, di tutte le emozioni che volevo fermare nell'immagine, di tutte le cose che dovrei fare e che forse non farò.

Chiudo gli occhi e registro le pulsazioni del cuore, ci sono frasi, sorrisi, pensieri, abbracci che come in una musica associo ad una frequenza ed ogni frequenza sarà una determinata pulsazione... Quando a Giugno sarò a cercare ombra sotto la Loggia della Signoria, mi siederò sul muretto ad arricciare le serpi di Medusa, mi basterà chiudere gli occhi, scartabellare tra le sensazioni e ritroverò quei battiti mancati, quella musica.

2 commenti: