3 agosto 2011

uni_ _ _ _ _ _ _ ini

Il processo di desertificazione cittadina ha avuto inizio (escluso il centro ovviamente). Non sono più abituata a questo avvenimento, i ricordi di bambina mi portano ai pomeriggi assolati e silenziosi di Taranto; fino alle 5-6 di pomeriggio non si vedeva anima viva, la gente era tutta al mare o a pennicare tra le lenzuola fradice di sudore. Anche io per questa estate mi sono concessa lunghe penniche pomeridiane con conseguente insonnia e incubi notturni. Forse quelli erano dovuti al pollo al curry con i peperoni. (?)
Sto divagando, questa estate porta a fare mille pensierini, le lunghe pennichè pomeridiane vanno abolite, sarebbe opportuno impiegare quel tempo studiando! e qui affiorano i nuovi pensierini: dove troverò la forza e il denaro per iscrivermi all'università quest'anno? altri pensierini vecchi e rinsecchiti come la pappa del gatto che si incrosta nella ciotola a fine giornata: quando mi deciderò a fare qualcosa di decente nel tempo che mi avanza? (pensierino post-sonno) In fondo ho sempre desisderato proseguire gli studi!
detto-fatto, mi sono iscritta al test di ammissione a logopedia proprio nel momento più incasinato dell'economia personale e mondiale, e l'una non dipende dall'altra purtroppo. Del resto, se aspettassi il momento migliore avrei ancora mille scuse per rinviare.

1 commento: