29 novembre 2011

realtà parallele

Sarà che sono influenzata dalla Fringe-maratona, ma le realtà parallele sono sempre state un mio pallino. E se fosse vero veramente che ad ogni ma, ad ogni se, ad ogni bivio della vita, la nostra esistenza si sdoppi e si continui a sviluppare su piani paralleli?
Se davvero esistesse un'Arianna che è rimasta a Taranto, che vive lì la sua vita di giovane disoccupata, precaria, lavoratrice in nero, vittima della rassegnazione, forse sposata e con un bambino...
Se davvero esistesse un'Arianna che vive ancora a Varese, che si è fatta il culo studiando e lavorando, che si è laureata in psicologia e oggi lavora presso un consultorio ASL...
Se esistesse un'Arianna che vive ancora con il babbo...
Se davvero esistesse un'Arianna che quel benedetto fine settimana, ha smosso il culo da casa, è partita per Desenzano in un estrema follia che per amore non aveva mai fatto... 
Se esistesse un'Arianna che non ha mai messo piede a Firenze e che per diffidenze non avesse accettato un invito...
Se esistesse un'altra Arianna che non è partita per Firenze, che è rimasta lì sul lago maggiore con i suoi amici e la sua piccola vita fatta di poco, con i suoi crucci e le sue negazioni e poi magari avesse scoperto che la persona giusta con cui condividere la vita ce l'aveva a due passi da casa...
Se esistesse un'Arianna che non si è mai iscritta ad un corso di teatro e si fosse abbandonata alla depressione...


Se esistesse un'Arianna che ha sempre vissuto sapendo bene cosa fare e cosa non fare, non ci sarebbero realtà parallele.
Forse esiste un'Arianna in una realtà parallela, che sta scrivendo il suo blog. Sta immaginando un'Arianna che si è trasferita da Taranto a Laveno, che non si è iscritta a psicologia e ha iniziato subito a lavorare, che a 21 anni è andata a vivere da sola, che non è andata a Desenzano per amore, ma che per amore poi, non ha ricommesso lo stesso sbaglio e si è trasferita a Firenze, che frequenta un corso di teatro che la aiutata a stare meglio e a riempire la vita di nuove attese, di nuovi MA, SE, deviazioni, svolte, bivi, incontri, opportunità...

7 commenti:

  1. Devo iniziare a vedere Fringe, allora. Anche io ho il pallino per le realtà parallele, o comunque tutto ciò che costringa a "strolicare" (termine delle mie zone che non so nemmeno se esiste sul dizionario).

    RispondiElimina
  2. intanto c'è questa arianna...e a me piace. probabilmente in questo momento tu vorresti essere una di quelle altre arianna...ma probabilmente non ci saremmo mai conosciute e mi dispiacerebbe proprio tanto...

    RispondiElimina
  3. Io credo, pur non conoscendoti (poiché "approdata" al tuo blog solo in questo istante) che l'Arianna che vive questa realtà (riempiendo nel contempo le pagine di questo blog) sia quella autentica! L'unica vera Arianna che ha fatto quello che ritenesse più giusto per la sua vita!
    Ciao...
    Io sono Funambola! :)

    RispondiElimina
  4. Mi correggo: forse ero già stata tra queste pagine... ma non mi ricordo d'aver mai postato! :P

    RispondiElimina
  5. Si funambola, e avevi anche commentato tempo fa, credo... Bello credere di essere l'unica vera e autentica, per questa dimensione attuale. ;)

    RispondiElimina