14 gennaio 2012

Fetish stupid love

Lui e quella perversione per le unghie dei piedi smaltale." Mi piace quello smalto rosso sulle unghie dei piedi, mi eccita, mi fa pensare... al rosso, alle unghie, ai piedi....!"
In quell'estate accesa e calda, Lei voleva soddisfare quella perversione di rosso, colore d'amore e di passione. I suoi piedini laccati meglio che da un carrozziere, viaggiavano scivolosi e sudaticci in zoccoletti di vernice rossi, alti altissimi. Si sentiva alta e leggera, tre metri sopra il cielo e 15 cm sopra l'asfalto; impacchettata nei sexy leggins di finta pellefinta nera (che aiuta anche a drenare i liquidi), minigonnina a coprire l'eventuale cellulite e magliettina rossa con tanto di ombellico a vista. Elegante e affascinante, labbra morbide di rossetto rosa (per colorare la vita che tanto rosa poi non è), contornata dall'oro intenso dei suoi extention, la mìse la rendeva a lui irresistibile nella calda e liquida estate.
L'estate scivolava via come sabbia tra le dita e giungeva il freddo. Lei schiava d'ammore, come avrebbe potuto continuare a soddisfare l'ego smisurato di lui? Lui era così vorace della devozione di lei... Lei affamata degli sguardi arrapati di lui...
Come continuare a suscitare in lui visioni idilliache attraverso i riflessi di quello smalto piedifero! Dimentica del gelo che incombeva, si era ingegnata in tutti i modi pur di mostrare quell'alluce laccato. La moda orrenda del collant a vista sotto i sandali, la aiutava: pochi denari per lasciare trasparire, in un vedo non vedo, l'oggetto dei desideri. Segate tutte le punte delle decolletè, via la puntina degli stivali...
Lana pesante e celata ad arte scaldava tutto il piede eccetto la punta. Le dita imporoporate restavano in bella mostra alla mercè dello sguardo insidioso di lui che estasiava e dissimulava, dissimulava ma sotto sotto... estasiava. Anche quando ormai la carne del piccolo piedino era viola ed esangue, gelida e incacrenita, le dita rilucevano Rosse sul Viola in un accostamento alla Dolce e Gabbana.
Ma la moda si sa, è destinata a passare! Non passò l'inverno che le dita caddero come salamini Beretta, secchi e scuri.
Chissà di tutto quell'amore cosa ne è rimasto...















Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale

2 commenti: