30 marzo 2012

Moving on



Questa volta provo io a parlare attraverso il testo di una canzone... 


Home again
Home again
One day I know
I’ll feel home again


Ho cancellato l'ultimo post... tanta rabbia mi è andata via, non mi sembrava il caso di lasciarla qui. Mi son sentita sola per molto tempo e quella sensazione spesso torna, quella mancanza di punti di riferimento. Mi accorgo che i riferimenti che cerco delle volte sono in posti sbagliati o troppo idealizzati, accetto la possibità che le cose non stiano proprio come io vorrei. In fondo, non è detto che la differenza dalle mie aspettative sia poi tanto più drammatica, basta saper apprezzare quello che mi circonda. Quei momenti di solitudine passano, diventano più brevi. E' vero, basta mettere il naso fuori di casa, fare quello sforzo che per me delle volte risulta immenso, momenti in cui mi vorrei solo una copertina morbida e dei telefilm per non pensare e chiudere col mondo intero. Lo faccio!
 Invece, scopro che è proprio con lo sforzo di "uscire" che posso ritrovarmi un pò più "a casa". Forse inizio a ritrovare il verso giusto per guardare le cose, la vita si evolve e devo solo imparare a seguirne i cambiamenti e ad appropriarmene, invece di rifiutarli come spesso accade. Sto trovando persone vicine lungo il cammino e per tanti versi ne sento il merito. Cerco di non rimpiangere più i cambiamenti, come più volte mi è stato detto, non serve... ciò che ho lasciato è ancora lì per me, lo sento, non è perduto.

Many times I’ve been told
All this talk will make you old
So I close my eyes
Look behind
Moving on, moving on
So I close my eyes
Look behind
Moving on


5 commenti:

  1. per quanti schiaffoni la vita ci vorrà dare avremo sempre da qualche parte qualcuno e la forza per ricominciare. la forza per ripartire da un sogno... te l'ho scritto. desideriamo fortemente una persona che ci faccia del bene... la troveremo. troveremo noi stessi.

    RispondiElimina
  2. qualcuno diceva: "...la casa è dove posso trovar pace" ...credo sia vero...

    RispondiElimina
  3. non so. a riuscirci ad essere sereni facendosi piacere quello che si ha...io sto cercando la chiave giusta per riuscirci. ma al momento non ci sto granchè riuscendo

    RispondiElimina
  4. il punto è questo, non si tratta di farsi piacere, ma di apprezzare quanto si è raccolto fin qui e farne un punto di fornza... not easy!

    RispondiElimina