20 aprile 2012

La mia non è insonnia

E' quando mi sento sola che cerco rifugio nel sonno. Ma Morfeo, qualche volta, mi accompagna a fare i conti con me stessa in modi assurdi, sfilando stivali dagli stivali e illudendomi di essermi risvegliata mi lascia a brancolare alla cieca restando incagliata alla coperta... Poi mi sveglio per davvero.

11 aprile 2012

trip

Stivali rotti.

80 pagine di un copione mai inventato si sparpagliano in un cassonetto, occhi grandi.

Parte un treno, un'altro e poi un altro, si resta fermi, seduti alla stazione tra baci, abbracci e addii perpetui. Rincontrarsi dopo tanto tempo e sorridere incerti.

 La vita non è un film, ma uno spettacolo teatrale: si chiude il sipario solo per riaprirsi su altri scenari come palpebre che si schiudono ad un nuovo giorno, anche se le richiudi un giorno nuovo è ormai arrivato e allora musica...

Una doccia e gocce d'acqua calda si mescolano a pioggia fredda e vapore che condensa scivola via.

Siamo così diverse... in realtà sappiamo di essere troppo simili, per questo non ci sopportiamo. Ci piacciono le stesse cose e non siamo disposte a condividerle.

 Non cercare in pozzanghere acqua pura, non c'è, c'è solo acqua e terra che non si dividono.
Labbra posate sui capelli come un fiore, delicato...

Dita sporche di fuliggine galoppano veloci sopra i tasti tra profumo di vino rosso e castagne.

Sollevata da terra, mi sento senza peso solo per un istante. Sono istanti che vorrei scolpire tra le pieghe delle mie rughe, una ruga per ogni ricordo che non voglio perdere.

Per ora non ho rughe.

Un giglio che scivola tra dita callose e affusolate e cade in un bicchiere di rum.
Sguardo truce che fruga tra le righe di un monitor alla ricerca di quello che è solo nella mia mente.